9.4 C
Pordenone
domenica 28 Novembre 2021
HomeIN EVIDENZAIngresso negli studi odontoiatrici dopo il 15 ottobre 2021

Ingresso negli studi odontoiatrici dopo il 15 ottobre 2021

Le Commissioni Albo Odontoiatri del FVG riassumono brevemente le norme che regolamentano l’esercizio della professione e l’ingresso negli studi odontoiatrici dopo il 15 ottobre u.s.

Oggetto: Dal 15 ottobre 2021 cosa cambia per l’accesso agli studi durante l’emergenza COVID-19

A tutti gli iscritti all’Albo degli Odontoiatri del Friuli Venezia Giulia
per il tramite delle CAO Provinciali

Cari Colleghi e Colleghe,

in risposta alle richieste pervenute riassumiamo brevemente le norme in vigore dal 15 ottobre 2021 per l’accesso agli studi odontoiatrici.

  • –  È sempre vietato l’accesso e la permanenza nello studio qualora si abbia febbre con temperatura superiore ai 37,5 gradi o si presentino sintomi influenzali.
  • –  E’ vietato l’acceso e la permanenza in studio se si ha avuto contatto con soggetto positivo negli ultimi 14 giorni.
  • –  Nel caso in cui si sia risultati positivi è necessario avere un certificato di avvenuta negativizzazione.
  •  Tutti i sanitari o il personale di interesse sanitario (ASO) devono essere vaccinati ( non vale il green pass)
  • –  Ai pazienti non va richiesto il green pass ,tutte le altre persone che accedono allo studio devono esibire il green pass con l’eccezione degli accompagnatori di minori e di soggetti diversamente abili.
  • –  La verifica va effettuata attraverso la app. “verifica C19”, la verifica deve essere eseguita dal titolare dello studio o dal legale rappresentante o da persona formalmente delegata.
  • –  Il controllo deve essere effettuato all’ingresso in studio , di tutte le persone ad eccezione dei pazienti e degli accompagnatori di minori e soggetti diversamente abili e dei soggetti esentati dalla campagna vaccinale, a prescindere dallo stato vaccinale. –
  • – Secondo il Garante della privacy la richiesta di green pass non è lesiva del diritto alla riservatezza dei dati, ma assolve alla funzione di ridurre il rischio biologico all’interno dei luoghi di lavoro
  • –  Chi non è in possesso di green pass valido deve essere allontanato.

  • CHI DEVE SEGNALARE LE IRREGOLARITA’

Di seguito un chiarimento introdotto dal DPCM 12 ottobre : Il controllo potrà avvenire all’accesso, evitando ritardi e code durante le procedure di ingresso, o successivamente, a tappeto o su un campione quotidianamente non inferiore al 20% del personale in servizio, assicurando la rotazione e quindi il controllo di tutto il personale.

Il dovere di segnalare eventuali irregolarità del Green Pass incombe sempre sul datore di lavoro e/o sugli eventuali incaricati.

Il lavoratore, pubblico o privato, è considerato assente ingiustificato, senza diritto allo stipendio, fino alla presentazione del green pass; Il datore di lavoro deve poi effettuare una segnalazione alla Prefettura per i soggetti inadempienti, ai fini dell’applicazione della sanzione amministrativa

Cordiali saluti.

Dott. Alessandro Serena
Dott. Diego Paschina
Dott. Paolo Coprivez
Dott. Giandomenico Barazzutti

Per il documento originale clicca qui

Alessandro Serena
Presidente CAO OMCeO di Pordenone, Presidente CAO FROMCeO regione FVG

Post Preferiti